QUANDO TUTTO NELLA TUA VITA SEMBRA NON FUNZIONARE…

Conosco la sensazione che provi. Come so che in questo momento, tu pensi che nessuno possa capirla. Ti senti solo, incompreso, ingabbiato e senza via d’uscita. Un peso enorme sembra ti possa far implodere la testa…questione di attimi, io posso capirlo.

Sei alla ricerca di una formula magica, vorresti solo “svegliarti” per scoprire che quello che stai vivendo è soltanto un brutto sogno….sì, lo so.

Quando tutto nella tua vita non sta funzionando sappi una cosa, le cose non stanno realmente come le stai percependo. So anche che questo ti fa arrabbiare e stai pensando: “come sarebbe a dire? Stai osando dire che quello che vivo non è reale? Me lo sto inventando? Ma vai a quel paese….”

No, non sto dicendo che ti sei inventato tutto o che sei pazzo, dico solo che nella tua condizione la percezione della realtà è distorta. Te lo dico perchè io per primo ci sono passato nel lontano 2008 e per ben 3 anni di fila….credimi è stata davvero dura, sembrava il mondo si fosse accanito all’unisono contro di me, ho perso tutto e, quando dico tutto, significa proprio tutto.

Non starò qui a spiegarti tutta la mia storia perchè non ci sono io al centro di questa conversazione ma bensì TU. Ti dirò solo che mi sentivo completamente senza speranza, dentro di me sentivo avere un leone gravemente ferito ruggire. Si dimenava in modo inconsulto con le ultime energie che aveva dentro ad una potentissima gabbia in acciaio inox temprato. Cercava di sfondarla, di abbatterla ma niente, la gabbia era troppo robusta. Il leone era talmente tanto impegnato sia mentalmente che fisicamente nel cercare di abbattere la gabbia che non si era accorto, che proprio all’interno della gabbia stessa, in un angolo e leggermente nascoste, c’erano le chiavi per aprirla….Ci ho messo tre anni a trovarle ed erano sempre state lì….

Smettila di dimenarti, fermati! Resistere non servirà a nulla se non a farti perdere energie e concentrazione. Ricordati che se ti trovi dove ti trovi la responsabilità è tua (bada bene che ho detto “responsabilità” e non “colpa”. Esiste un’enorme differenza tra le due cose. Tu, non hai colpa di nulla e non devi scaricare colpe neppure sugli altri, sarebbe troppo comodo ma ti devi assumere la responsabilità). Che sia una tua responsabilità se ti trovi dove ti trovi ora è una gran bella notizia!

Ora stai pensando che io sono più pazzo di te.

Ma è la verità! Se è una tua responsabilità trovarti dove sei ora, significa che tu puoi cambiare posizione, puoi spostarti, puoi metterti in un altra situazione, diversa e migliore. Non dipende dagli altri, dipende da te, solo da te fortunatamente. Perchè, se dipendesse dagli altri sarebbe un gran bel problema. Vorrebbe dire che la tua vita è nelle mani di qualcun altro, ma NON E’ MAI COSI!

Devi fermarti e respirare, respira a fondo e ferma la tua mente che in questo momento è l’equivalente di una pentola a pressione. Non ti porterà da nessuna parte e non ti darà le soluzioni. Warren G. Bennis, professore universitario di economia aziendale e pioniere degli studi sulla leadership, disse una frase che spesso viene utilizzata ma poco messa in pratica. Di sicuro la conosci anche tu:

“Se continui a fare quello che hai sempre fatto, continuerai ad ottenere ciò che hai sempre avuto.”

Smettila di fare quello che stai facendo tanto non ti sta portando da nessuna parte, giusto? Perchè se cosi fosse, non staresti in mia compagnia ora, faresti dell’altro.

Devi fare un passo alla volta e prenderti il tuo tempo. Qualsiasi viaggio, percorso, scoperta anche la più audace ed incredibile è iniziata con un primo passo. Si, solo un passo. Ma senza quel primo passo gli altri, non sarebbero mai arrivati.

SOLO UN PASSO

Quando nella tua vita sono tante le cose che non funzionano la regola è che non puoi affrontarle tutte assieme, anzi, non devi. Non puoi farcela e te lo dico per esperienza. Prima di fare questo primo passo che io ti consiglio (non sei obbligato a farlo ovviamente), ti voglio avvisare di una cosa. Se mai tu decidessi di farlo, quasi istantaneamente o, anche nei giorni a venire, si farà sentire una vocina dentro di te che ti dirà:

“ma che cazzo stai facendo? Ma credi veramente a queste stronzate? Ma fammi un favore dai, lascia perdere, restiamo con i piedi per terra e smettila di dare retta ad uno che manco conosci e che non sa nulla di te”. (il tuo ego)

Si, quella vocina che tanto vocina non è, è il tuo ego. La tua parte “razionale” e sopratutto quella che più di tutte ha paura in questo momento. E’ quella che deteneva il timone della tua vita….ti ci ha portato lei dove ti trovi ora….e sempre ora ti sta giudicando e scoraggiando….

Senti, è arrivato il momento di congedarla. Ha avuto anni di tempo per sistemare le cose e non mi sembra lo abbia fatto, anzi, se ti trovi dove sei è “merito” suo. Adesso è arrivato il momento di farla tacere ma sappilo, sarà insistente, non demorderà, cercherà di uscire ancora…..devi zittirla. Un giorno ti spiegherò un piccolo trucco per neutralizzarla.

Se ti senti pronto cominciamo ma, se tu decidessi di ascoltare la tua vocina e smettere di stare qui con me, prima che tu te ne vada voglio farti un enorme e sincero in bocca al lupo. Spero si possa risolvere tutto nella tua vita, te lo dico con il cuore!

Se invece sei ancora con me, allora prendi una penna/matita ed un foglio di carta, un quaderno…insomma….qualcosa cosa su cui scrivere e che tu possa conservare. Ce l’hai? Bene, adesso scrivi su quel foglio tutte le cose che non stanno funzionando nella tua vita e quando dico tutte intendo dire proprio tutte, anche le più infime (ti faccio un esempio, potrebbe sembrarti sciocco ma devi scrivere anche questo se fosse accaduto: “oggi ho salutato in malo modo il fruttivendolo”). Prenditi tutto il tempo che ti serve..

Le hai scritte? hai finito? Bene, adesso guardale, rileggile e scegli quella che ritieni più semplice da risolvere. Sono certo che ve ne siano alcune per le quali tu ritieni di non avere il controllo, cose che non dipendono da te, allora quelle scartale. Altre che ti sembrano montagne insormontabili, scarta anche quelle, dimenticale.

Prendi quella che ritieni più semplice (c’è sempre) e affronta solo quella, dimentica le altre. Quando l’ho fatto io la più semplice era separarmi. Tante cose non funzionavano nella mia vita, troppe. La più semplice era separarmi e l’ho fatto. Avevo una paura infinita. Il solo pensiero di non vedere nel quotidiano le mie bimbe mi faceva impazzire. Non avevo un centesimo, non potevo permettermi una casa ma l’ho fatto….e sono andato a vivere in una stanza. (Perchè tu lo sappia oggi vedo le mie figlie senza problemi ed ho con loro uno splendido rapporto. Con la mia ex compagna va tutto a gonfie vele, ho un rapporto bellissimo. Ci vogliamo bene e ci rispettiamo anche più di prima pur non stando più assieme).

Questa è l’unica cosa che devi fare per il momento, affronta una sola cosa e concentrati su quella. Ti prometto che ti scriverò ancora, ci rivedremo.

UN LIBRO

Leggere, per me è stato fondamentale per trovare delle risposte a quanto mi stava accadendo. Sono convinto che un libro, arriva a te solo quando sei pronto per leggerlo.

Il libro che vedi sotto, assieme a molti altri, è stato il mio compagno di “avventura”. Io personalmente l’ho letto più di una volta e mi è stato veramente di grande aiuto. Lo leggerai anche tu se sentirai che questo è il momento giusto e se percepisci che già solo il titolo stimola in te delle sensazioni.

Quando tutto Cambia, Cambia tutto.

 
se vuoi, puoi acquistarlo qui: https://amzn.to/2RbGz7H

“L’unica costante della vita è il cambiamento. Il lutto, la fine di una relazione, la perdita del lavoro, un problema di salute o finanziario sono circostanze dolorose in cui tutti ci siamo trovati. In questo libro, toccante e al tempo stesso concreto, Neale Donald Walsch parla al cuore di tutte le persone ferite e disorientate dagli inevitabili mutamenti della vita, offrendo loro strumenti semplici e chiari per accettare il cambiamento e ritrovare una nuova forza interiore.”

One thought on “QUANDO TUTTO NELLA TUA VITA SEMBRA NON FUNZIONARE…

  1. interessante articolo, e molto veritiero.
    Siamo noi a decidere come percepire il mondo attorno e, così, a delineare la nostra situazione. Ma se solo riusciamo a controllare i nostri pensieri, possiamo ribaltare completamente la percezione che abbiamo del mondo che ci circonda e della nostra situazione.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.