DESIDERARE O CONSIDERARE?

Spesso, le aspettative che nutriamo nei confronti di una determinata cosa o, al raggiungimento di un determinato risultato sono più che altro legate ai nostri desideri e, altrettanto spesso sono poi oggetto di frustrazione, perchè vengono disattese.

PERCHE’ ACCADE QUESTO?

Come sempre è una questione di “atteggiamento mentale”. Sò che può sembrare riduttivo ma è così. Cosa significa Desiderare? L’etimologia di questa parola deriva dal latino de – siderare. “DE” in latino indica sempre mancanza mentre “SIDERARE” significa stelle per cui, letteralmente traducendo: mancanza di stelle.

Analizziamo adesso la parola: Considerare. L’etimologia di questa parola dal latino con-siderare significa: “CON”, intesa come comparazione o strumento e mezzo per ottenere qualcosa. “SIDERARE” significa come prima, stelle. Il senso di questa parola è questo: nell’antichità, le persone si rivolgevano agli astri per capire se era bene fare una determinata cosa oppure no. Se le stelle dicevano ad esempio che quello non era un momento propizio per l’amore, il pretendente aspettava a fare la proposta alla donna dei suoi sogni.

La natura è un esempio di forte considerazione. Il pesco a Dicembre non fiorisce perchè “considera” che è inverno e, se fiorisse, subito dopo i suoi fiori morirebbero all’istante. L’essere umano invece desidera vedere un pesco in fiore a Dicembre….aspettativa disattesa perchè trattasi di un desiderio e non di una considerazione….il pesco non fiorirà mai a Dicembre…

Quando desideriamo qualcosa spesso non consideriamo…..e questo porta a vivere un fallimento.

Ti faccio un esempio capitato ad un mio caro amico. Aveva dei contatti con una grossa società americana per la fornitura di alcuni prodotti. Il suo desiderio era fare un ordine di 10.000 pezzi….sai com’è andata? L’ordine è stato di 1000 pezzi. Raccontata così, questa cosa viene vissuta come un fallimento, lui rimase frustrato e deluso da quell’ordine…era convinto di poter fare 10.000 pezzi e vedersi un ordine di 1000 pezzi lo considerò un fallimento. Sai perchè? Le sue aspettative erano dominate dal desiderio e non dalla considerazione.

E’ stato davvero un fallimento? ASSOLUTAMENTE NO! Ha venduto 1000 pezzi….sono 1000 pezzi in più di quelli che vendeva prima oltre all’apertura di un nuovo mercato con relativa potenzialità futura. E’stato in realtà un grande successo! Lui però non l’ha vissuto così, l’ha vissuto come una specie di sconfitta.

Avrebbe dovuto dire: il mio obiettivo è che arrivi un ordine dagli Stati Uniti. Poco importa quale sarà la quantità o l’entità dell’ordine, l’importante è che inizio un rapporto di collaborazione…il mio saper lavorare bene piano piano poi, lo farà crescere.

Devi sapere che qualsiasi esperienza tu viva nella tua vita, il tuo cervello la trasforma in immagini. SEMPRE! Il mio amico, comincio a produrre immagini di un fallimento nella sua mente anzichè di un grande successo e questo, lo trascinò in una spirale di negatività a cominciare dal suo atteggiamento che non era più propositivo e, sopratutto, sempre pessimistico. Questo, a sua volta, lo portò a pensare ed agire in modo pessimistico e quindi, il lavoro stava andando male. Quando venne da me, gli feci capire questo semplice concetto e, lavorando sul suo modo di vedere e considerare le cose, le cose cambiarono in positivo.

Spesso la cosa migliore da fare non è desiderare ma porsi dei piccoli obiettivi raggiungibili. Una volta raggiunto il primo obiettivo ce ne si pone un secondo, sempre piccolo ma raggiungibile. Gli obiettivi hanno poco a che fare con i desideri e molto invece con la volontà e la considerazione. Così facendo, tu conseguirai tutta una serie di vittorie incredibili che avranno la capacità di “siderarti” (il termine non esiste nel vocabolario, me lo sono inventato) ovvero, di portarti alle stelle. Ti caricherai di una positività straordinaria che ti consentirà di porti degli obiettivi raggiungibili sempre più grandi….si inizia uno scalino alla volta ma con grande determinazione, poi il secondo, il terzo, il quarto e poi due scalini alla volta, poi tre, poi quattro e poi…..poi ti trovi alla fine della scala, ti trovi in alto. In alto e felice, rendendoti conto che il successo è un abitudine….una sana abitudine che si può acquisire e migliorare con metodo.

Considera, fallo con volontà…..non desiderare.

2 pensieri riguardo “DESIDERARE O CONSIDERARE?

  1. Bravo, ottimo messaggio che mi trova completamente d’accordo: facciamo le piccole cose che ci fanno stare bene, raggiungiamo e superiamo piccoli traguardi ogni giorno!
    Così ci arricchiremo di forza (positiva) e voglia di fare, e possiamo iniziare a spostare la tacca dei traguardi un po’ più in su.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.